Category Archives: Incontri formativi 2014-2015

Domenica 25 gennaio ore 16.00 *

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI
Storia di una ladra di libri
“Il tema dell’olocausto è affrontato dalla prospettiva di coloro che lo hanno vissuto indirettamente. Il punto di vista è quello delle persone comuni, non dei perseguitati e ciò rende originale e interessante la rappresentazione. Non è soltanto questo, tuttavia, l’aspetto affascinante del film: il sentiero psicologico e l’intreccio emotivo che si snodano e che avvolgono i protagonisti svelano una particolare sensibilità degli autori e del regista verso i temi dell’amicizia, dell’amore, della bontà e della disponibilità al sacrificio. Si parla dell’istinto ad aiutare una persona sofferente e si descrive come la natura limpida di alcuni sentimenti possa risultare approfondita dalla disperazione del distacco. Tutto ciò è affrontato con una leggerezza e una poeticità davvero capaci di emozionare il pubblico.” (Simone Arseni)

Sabato 16 maggio ore 20.45 *

MUSICA E PAROLE…IN RICORDO DEL PRESIDE SEVERO GHIOLDI
Severo Ghioldi
La nostra Comunità ricorda con affetto il Professore Severo Ghioldi, Preside della Scuola Media/Istituto Comprensivo dal 1986 al 1997, attraverso una serata di musica, danza, poesia e prosa.
“Mente lucida, viva e penetrante, grande capacità di sintesi, un innato dono di accostare parole, per costruire paradossi, contraddizioni e provocazioni, Severo Ghioldi ha lasciato la sua impronta nel mondo della scuola e della cultura, lungo l’asse Como–Varese.
Agli alunni, ma non solo a loro, ha saputo trasmettere la sua grande passione per il giornalismo. Passione che lo ha portato nella redazione del quotidiano comasco “L’Ordine”, collaborando alle pagine culturali. Severo era un avido di notizie, voleva sapere tutto, non si accontentava delle prime impressioni, ma scavava nel profondo. Nell’ultimo quinquennio, periodo in cui si è rivelata la malattia, si è trasformato in un instancabile organizzatore culturale. Promuoveva eventi spesso dedicati al mondo del giornalismo, guardando con interesse anche oltre confine. Si sentiva legato alla realtà di Como, Varese e del Canton Ticino, tanto che pensò, con alcuni amici, di costituire “Insubria Media Point” – associazione culturale per l’Etica nella Comunicazione – per far dialogare i professionisti dei Media, mettendo anche a confronto chi opera al di qua e al di là della frontiera. Ultimamente aveva scoperto una vocazione poetica, consegnata a due plaquette pubblicate dal circolo culturale “Il Dialogo” di Olgiate Comasco. I suoi testi rivelano attitudine alla riflessione, attenzione ai valori essenziali della vita e una grande passione per l’umanità. Proprio per questo suo impegno e per queste sue qualità umane, nel 2002 era stato insignito del titolo di “Ambasciatore di Pace” della Universal Peace Federation (UPF–Italia).” (dal sito “Premio Severo Ghioldi per aspiranti giornalisti”)

Giovedì 23 ottobre ore 20.30 *

Visione del film “ALLA LUCE DEL SOLE” e condivisione dell’esperienza vissuta dai giovani della nostra Comunità a Brancaccio
Alla luca del sole
Il film ripercorre gli ultimi anni della vita di don Pino Puglisi, il parroco assassinato dalla mafia a Brancaccio, quartiere di Palermo, il 15 settembre 1993. Ai ragazzi di strada, “angeli” cresciuti all’Inferno, don Pino era capace di ridare la speranza in una vita diversa. Non riconosceva il potere della mafia e, con il suo esempio, invitava la gente a riappropriarsi della libertà negata. Per la mafia era un individuo troppo pericoloso, che “toglieva i ragazzini dalla strada e rompeva le scatole”. Padre Puglisi è stato beatificato il 25 maggio 2013.

Al film seguirà la testimonianza di don Giuseppe e degli adolescenti della nostra Comunità, che hanno vissuto un’esperienza di crescita al quartiere Brancaccio, durante le vacanze estive.

Marzo – aprile *

Intervento conclusivo di DON LUIGI CIOTTI
Libera
Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” è nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera. Libera è riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall’Eurispes tra le eccellenze italiane. Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong del mondo: è l’unica organizzazione italiana di “community empowerment” che figuri in questa lista, la prima dedicata all’universo del no-profit.

“Legalità è speranza. E la speranza si chiama “noi”. La speranza è avere più coraggio. Il coraggio ordinario a cui siamo tutti chiamati: quello di rispondere alla propria coscienza.” (don Luigi Ciotti)